«D’io.» Il messaggio perduto di Yeshua

 7,99

Formati disponibili: PDF protetto, ePub, mobi
Pagine (pdf): 105 in stampa A4 (tot. 204 A5)
Formato singola pagina (pdf): A5
Dimensione files: pdf 2,4 Mb, epub 2 Mb, mobi 1,1 Mb
Editore: Rainkids – Luigi Manglaviti (2ª edizione, giugno 2016)
Lingua: Italiano
ISBN: 9788865018156

Disponibile su Amazon in versione cartacea

Copertina flessibile
Pagine: 192
Formato 152 x 228 mm
Peso 349 g
ISBN: 9781521322932

Disponibile anche via Kindle™

password

Per il formato PDF, al termine dell’acquisto verrà comunicata l’email ove richiedere la password per l’utilizzo.

Ebook a colori (RGB)

, ,

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Solamente clienti che hanno effettuato l'accesso ed hanno acquistato questo prodotto possono lasciare una recensione.

Sinossi

Re mancato, rabbino, divinità o “eone”: poco importa. Due millenni fa Yeshua bar Yosef (il Gesù dei Vangeli) lanciò un esplosivo, innovativo messaggio che avrebbe potuto mettere al centro del mondo l’essere umano molto prima dell’Umanesimo e dell’Illuminismo, senza bisogno di dèi e di culti fondati sulla paura. Ma andò in buona parte perduto attraverso il travisamento e la mitizzazione delle sue azioni e parole.

***

Qualsiasi cosa si possa dire in merito al Gesù “storico”, il fatto che Yeshua bar Yosef fosse un uomo di fede si pone al di là di qualsiasi ragionevole dubbio. Il “re mancato” d’Israele, che affascinava le folle attraverso brevi favole morali (le parabole), fu un rivoluzionario sia religioso che politico; fra le due cose nell’antichità non esisteva distinzione e ciò vale ancora oggi in alcune civiltà: quando gli afghani o gli iracheni parlano di «imporre la shari’a» come forma di governo, nessuno si sogna d’interpretarla come un “regno dei cieli” post-mortem.

Con l’avanzare di studi storici sempre più affrancati dalle influenze ecclesiastiche che hanno condizionato e intaccato fino al Novecento la ricerca, la comunità scientifica considera oggi i Vangeli come artefatti storici fallibili, contenenti sia materiale “autentico” che materiale “non autentico”, intendendo con questo aggettivo testi originali (autentici) e possibili eventi e detti storici (autentici) cui nei secoli successivi vennero interpolati altri testi (non autentici) riferiti a eventi e detti mai avvenuti (non autentici). Per esempio, è lampante che nel detto di Marco (1.14-15)

Dopo che Giovanni fu messo in prigione, Gesù si recò in Galilea, predicando il vangelo di Dio e dicendo: «Il tempo è compiuto e il regno di Dio è vicino; ravvedetevi e credete al vangelo».

…l’invito a «credere al vangelo» o il «predicare il vangelo» non possono appartenere all’eventuale Gesù “storico”, poiché il termine greco “vangelo” è un’invenzione successiva, delle primitive comunità cristiane: nella prima metà del I Sec. non esisteva ancora alcun euagghelion — e peraltro Gesù parlava presumibilmente solo in Aramaico —. A questo riguardo, uno dei primi grandi problemi che si presentano per la ricerca sui testi è proprio quello di identificare gli interessi di queste prime comunità “giudeo-cristiane” e, in base a questi interessi, spesso polemici, focalizzare i detti e i fatti di Gesù che furono creati e inseriti nei Vangeli e nelle Lettere Paoline con funzioni di autoincoraggiamento di queste comunità nel rapportarsi alle altre, detti e fatti che dunque nulla ebbero a che spartire con il Gesù storico.

Nel cercare di risalire agli insegnamenti di quest’uomo dobbiamo spesso accontentarci del contenuto fondamentale e di ricostruzioni ipotetiche della “più antica forma disponibile”, che risalga o no effettivamente a lui. Non possiamo distinguere ciò che proviene da Yeshua da ciò che fu creato dalla tradizione orale della comunità giudaico-paolina delle origini e da ciò che fu prodotto dal lavoro editoriale/redazionale degli Evangelisti. Oltre a ciò, dobbiamo poi considerare tutti gli interventi della più varia natura che nei successivi “centomila giorni” (tre secoli) andarono a confondere la trasmissione della testimonianza, seppellendo fatti e parole sotto una sedimentazione estremamente complessa. Risalire ai termini che Yeshua bar Yosef usò è impossibile e dobbiamo accontentarci di conoscere la “sostanza” di ciò che egli disse.
Anche a fronte di questa roccia imperforabile, però, una volta che rimuoviamo la coltre teologica dalla figura di Yeshua e comprendiamo che la sua ipsissima vox non è quella di una divinità ma di un uomo politico — di uno dei numerosi (come si vede in Giuseppe Flavio, dove in corsa c’è perfino un pastore) aspiranti al trono di Israele —, si schiude davanti a noi un orizzonte stimolante. Per capirlo, basta provare a rileggere certe frasi pensando che chi le sta pronunciando non è un dio ma un re mancato (quello certificato dall’acronimo “I.N.R.I.”).

Edizione 2016


L’Autore

mangla_icon_retrolibri_quadrata

Luigi Manglaviti

Mi piacciono le storie. Sono un ottimo ascoltatore di storie. So sempre quando un’anima o un personaggio stanno sospesi in aria e hanno bisogno di me per raccontarsi. Bisogna essere disponibili, lasciare sempre l’immaginazione accesa. Tanto non consuma niente e non fa male all’ambiente. Ascoltare e raccontare sono un po’ la stessa cosa, facce d’una medaglia preziosamente umana. La mia musica, i miei libri, sono nati così: li ho semplicemente accolti.
Per usare le parole di Tabucchi, la vita non è in ordine alfabetico, come sembrano credere in parecchi. Appare un po’ qua e un po’ là, come meglio crede; briciole (il problema è raccoglierle dopo), anzi, un mucchietto di sabbia. Qual è il granello che sostiene l’altro? A volte quello che sta sul cocuzzolo e sembra sorretto da tutto il mucchietto, è proprio lui che tiene insieme tutti gli altri, perché quel mucchietto non ubbidisce alle leggi della fisica, togli il granello che credevi non sorreggesse niente e crolla tutto, la sabbia scivola, si appiattisce e non ti resta altro che farci ghirigori con un dito, sentieri che non portano da nessuna parte, dài e dài, stai lì a tracciare ghirigori, ma dove sarà quel benedetto granello che teneva tutto insieme? Poi un giorno il dito si ferma da sé, non ce la fa più con gli andirivieni; sulla sabbia c’è un tracciato strano ma avvincente, un disegno con una logica e un costrutto. Ti viene un sospetto. Che il senso di tutto erano i ghirigori. Le mie storie, le mie canzoni, sono nate così: ho disegnato qualcosa di vasto e articolato sulla sabbia, alla ricerca d’un granello iniziale perduto. Che ovviamente non ho mai ritrovato. Ma l’emozione che si prova davanti al disegno finale sulla sabbia ripaga d’ogni cosa.
Tutti ci sentiamo in qualche modo incompleti, tutti realizziamo una parte di noi stessi e non l’altra. Con i libri che scrivo non risolvo il mio problema, ma ho la speranza che il mio complesso disegno sulla sabbia contribuisca almeno a risolverlo ad altri. In fondo, anche la famosa ricerca del Graal non è altro che questo: l’importante è il viaggio, non la meta. E chi ha l’occhio allenato dai libri, trova quel che cerca anche a occhi chiusi.

Stesso autore e argomento:

COVER_Ha-NOTZRI_1000-1500
Aggiungi al carrello