Don Chisciotte

 0,00

Formati disponibili: ePub
Pagine: circa 1260 digitali
Dimensioni file: 1,5 Mb (.zip)
Editore: nessuno
Lingua: Italiano

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Solamente clienti che hanno effettuato l'accesso ed hanno acquistato questo prodotto possono lasciare una recensione.

Sinossi

Il Don Chisciotte della Mancia fu pubblicato da Miguel de Cervantes Saavedra (Alcala’ de Henares, 1547 – Madrid 1616) in due fasi distinte: una prima parte, scritta probabilmente tra il 1598 e il 1604, vide le stampe nel 1605, mentre una seconda parte uscì nel 1615 dopo che, in seguito al successo e quindi alle numerose ristampe della prima edizione, un non meglio identificato Alonso Fernandez de Avellaneda aveva pubblicato l’anno prima il Secondo tomo della vita dell’ingegnoso hidalgo Don Chisciotte della Mancia: opera di imitazione chiaramente non dovuta alla penna del Cervantes, che proprio per la preoccupazione di vedere il proprio personaggio sfruttato da altri autori accelerò la scrittura della seconda e ultima parte delle sue avventure.
In entrambe le edizioni la vicenda ruota intorno ai viaggi nell’est della Spagna compiuti dal protagonista, Don Quixote appunto, che tre volte lascia il suo villaggio d’origine in cerca di imprese cavalleresche da compiere per emulare gli eroi di quella letteratura cortese della quale è da sempre avido lettore e che gli hanno fatto perdere la nozione della realtà, facendogli immaginare di essere egli stesso un cavaliere errante. Ognuna di queste tre sortite (salidas) ha proprie peculiarità: le prime due “uscite” sono contenute nella prima parte, l’ultima nella seconda parte.

Il Don Chisciotte è un’opera di una complessità straordinaria, sia a livello tematico che stilistico, e di conseguenza molte sono state le interpretazioni datene, anche di segno opposto tra loro. L’universalità dei personaggi creati dal Cervantes ha poi spesso indotto i critici a decontestualizzare storicamente il romanzo e a leggerlo quasi come opera loro contemporanea. E’ possibile però ricondurre le varie analisi critiche fondamentalmente a due tipi di letture: da un lato quella “giocosa”, il cui massimo sostenitore è forse l’Auerbach che nel suo Mimesis sottolinea come la follia del Chisciotte altro non sia che gioco, parodia, comicità, riconducibile alla follia erasmiana; dall’altro l’interpretazione “tragica”, storicamente affermatasi durante il Romanticismo, che vede invece nell’hidalgo un campione dell’idealismo costretto a scontrarsi con una prosaica realtà priva di ogni eroismo. A ognuna di queste interpretazioni è possibile muovere delle obiezioni visto che in realtà entrambi i toni, quello della gaiezza e quello della melanconia, pervadono la narrazione e troppo riduttivo sarebbe cercare di affermare una visione critica definitiva; come per l’Amleto di Shakespeare, del Don Quixote continueranno a susseguirsi per sempre le più svariate letture.
Ciò che invece è importante sottolineare e verso cui dovrebbe concentrarsi l’attenzione del lettore, è la modernità stilistica dell’opera (il che spiega anche come mai il dibattito critico anche nel corso del Novecento si sia appassionato a questo romanzo), che partendo dalla letteratura cortese-cavalleresca, dalla letteratura pastorale, dal romanzo picaresco, dalla novellistica, abbia unito tutte queste esperienze per creare qualcosa di assolutamente originale e unico, definito da molti come il primo romanzo moderno. La stratificazione dei piani narrativi, per esempio, con diversi narratori che rimandano l’uno all’altro: Cervantes dichiara infatti di rifarsi ad un manoscritto arabo di un certo Cide Hamete Benengeli per la narrazione delle gesta di Don Chisciotte, nella seconda parte del romanzo poi si parla spesso del libro pubblicato, nella finzione, sulle avventure dell’hidalgo e che lo mette così in cattiva luce, espediente attraverso il quale Cervantes non lesina critiche al libro veramente pubblicato apocrifo nel 1614 con protagonista il suo folle cavaliere. In proposito si è parlato di un vero e proprio gioco di specchi attraverso il quale viene demolita la concezione univoca della realtà, sostituita da numerose prospettive che ci forniscono un quadro sfuggente, contraddittorio, in eterno equilibrio tra reale, appunto, e irreale. Letteratura e vita, teatro e vita nel Don Chisciotte si mischiano: i mulini a vento diventano dei giganti, le locande dei castelli, i montoni degli eserciti nemici, etc. Ogni cosa può essere soggetta a diversi punti di vista, il che fa perdere chiaramente l’esatta concezione della realtà. Sarebbe così testimoniata dal Cervantes la crisi di fiducia del suo tempo nelle acquisizioni rinascimentali quali l’armonioso equilibrio tra la natura e l’uomo, e la fiducia nell’agire umano guidato dalla razionalità. Nel suo romanzo regnano invece la confusione, l’incertezza, il disinganno: una “scissione tra coscienza e vita” che perdura ancora oggi e che rende il Don Chisciotte così attuale.