La Grecìa calabrese

 6,99

Formati disponibili: ePub3
Pagine: 84
Dimensioni file: 383 kb (.zip)
Editore: Rainkids – Luigi Manglaviti (10 luglio 2014)
Lingua: Italiano

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Solamente clienti che hanno effettuato l'accesso ed hanno acquistato questo prodotto possono lasciare una recensione.

Sinossi

Le antichissime origini dell’enclave grecofona di Calabria si legano al grande movimento migratorio partito dalla Grecia nell’VIII secolo a.C. Nel territorio corrispondente all’attuale Calabria i coloni greci approdarono presso Capo Zefìrio (attuale Capo Bruzzano, ubicato lungo la costa jonica della provincia di Reggio Calabria) e da lì si mossero a fondare le nuove pòleis italiote. La splendida civiltà che in esse fiorì venne in seguito denominata Magna Graecia, “Grande Grecia”, matrice nel bacino del Mediterraneo dei percorsi conoscitivi, culturali e umani dei secoli a venire.

Diacronicamente segnata da eventi distruttivi, di varia natura, la storia della Grecìa calabrese è investita da una progressiva restrizione che la racchiude oggi entro i confini dell’isola ellenofona, nel cuore del versante jonico meridionale del territorio aspromontano in provincia di Reggio Calabria.
Sebbene ridimensionato, il capitale identitario dei Greci di Calabria persiste con tenacia, come una grande quercia, immortale, nonostante le aggressioni volte a estirparne le radici. La lingua e la cultura dei Greci di Calabria si costituiscono a tutt’oggi quali elementi fortemente caratterizzanti il suddetto territorio; esse sono indubbiamente in prima linea tra le risorse d’eccellenza che esso offre, e come tali vanno conosciute, tutelate, valorizzate. Questo libro vuole offrire un modesto contributo alla conoscenza di una grande civiltà.

L’Autrice

teresapietropaolo_480px

Teresa Pietropaolo

Esperta in lingua e cultura grecocalabra, docente di Sociologia e di materie letterarie, Teresa Pietropaolo è entrata a far parte degli Sportelli Linguistici istituiti dalla Provincia di Reggio Calabria nel 2004. In qualità di Interprete e Traduttore della lingua grecocalabra ha svolto studi, ricerche, attività di consulenza sulla lingua e sulle tradizioni culturali ellenofone, nonché di guida in percorsi itineranti presso gli antichi borghi dell’Area Grecanica in collaborazione con Italia Nostra e altri vari enti e associazioni culturali. Ha partecipato a seminari e convegni sul tema della tutela e valorizzazione delle minoranze linguistiche. È membro del comitato direttivo del Circolo di Cultura Greca Apodiafazzi, e responsabile per l’area grecanica dell’Associazione Sociologi Italiani e dell’associazione Now! Research to Business.
È laureata in Lettere Moderne (curriculum Docente di Lingua Italiana a Stranieri) e in Programmazione e Gestione dei Servizi Sociali d’Area Mediterranea. Oltre ai volumi editi in proprio presenti su questo sito, nel 2016 ha pubblicato il saggio “Parole greche come souvenir” (collana del Parco dei Greci di Calabria, Rubbettino editore).

Della stessa autrice: