Eventi, PR e media relations

MariaLuciaParisi1

Maria Lucia Parisi

Reggina di nascita, napoletana di adozione, credo di aver preso il meglio da entrambe, come una figlia che prende solo il meglio dai genitori (i difetti? Sono imputabili ad altro).
Dopo un percorso di studi di respiro internazionale, decido di “tornare alla base” e scelgo il mondo dell’associazionismo, nelle cui potenzialità credo fortemente, diventando, di fatto, una progettista sociale. Il lungo periodo in cui mi sono dedicata alla cooperazione internazionale lascia spazio a uno sguardo più territoriale e divento una “costruttrice di reti”, finalizzate al superamento dei limiti delle singole realtà. Negli anni, valorizzare le eccellenze del territorio è stata la mia mission, che replico nei programmi radiofonici che curo.
In LibrarsiDaSoli sono la “forza motrice” all’esterno per gli autori: l’organizzazione degli eventi e delle presentazioni dal vivo e i contatti con i media passano per le mie… sagge manine.

Editing, PR e Scuola di scrittura

danielaorlando_160px

Daniela Orlando

Mi presento. Sono autrice, formatrice ed esperta in scrittura creativa. Coltivo da sempre la passione per la narrativa, pubblicando saggi, recensioni letterarie e soprattutto romanzi. Tengo corsi di comunicazione, partecipo a eventi e conferenze, ho collaborato con diverse scuole e associazioni in merito a progetti di lettura e scrittura creativa.
 
Qualcuno sostiene che «un editor “professionista” che non abbia mai pubblicato un libro in vita sua è un soggetto di cui diffidare assolutamente, poiché è impossibile revisionare un testo se non si conosce personalmente il problema». Si può essere d’accordo o meno con simili affermazioni perentorie, ma quel che è certo è che la sottoscritta Daniela “conosce personalmente il problema”: scegliendo di affidarmi il tuo scritto, metti in campo un ventaglio di esperienze che comprende anche la personale pubblicazione di libri come autrice, con un vero editore (e, nel mio piccolo, anche un discreto successo commerciale e contatti per la riduzione cinematografica del mio primo romanzo).
 
Per saperne di più sul servizio di editing, vai alla relativa pagina.
 
Se vuoi seguire i miei corsi di scrittura creativa AnteScriptum, clicca qui o vieni a trovarmi su Facebook.

Direzione operativa e Produzione

mangla_icon_retrolibri_quadrata

Luigi Manglaviti

Mi piacciono le storie. Sono un ottimo ascoltatore di storie. So sempre quando un’anima o un personaggio stanno sospesi in aria e hanno bisogno di me per raccontarsi. Bisogna essere disponibili, lasciare sempre l’immaginazione accesa. Tanto non consuma niente e non fa male all’ambiente. Ascoltare e raccontare sono un po’ la stessa cosa, facce d’una medaglia preziosamente umana. La mia musica, i miei libri, sono nati così: li ho semplicemente accolti.
Per usare le parole di Tabucchi, la vita non è in ordine alfabetico, come sembrano credere in parecchi. Appare un po’ qua e un po’ là, come meglio crede; briciole (il problema è raccoglierle dopo), anzi, un mucchietto di sabbia. Qual è il granello che sostiene l’altro? A volte quello che sta sul cocuzzolo e sembra sorretto da tutto il mucchietto, è proprio lui che tiene insieme tutti gli altri, perché quel mucchietto non ubbidisce alle leggi della fisica, togli il granello che credevi non sorreggesse niente e crolla tutto, la sabbia scivola, si appiattisce e non ti resta altro che farci ghirigori con un dito, sentieri che non portano da nessuna parte, dài e dài, stai lì a tracciare ghirigori, ma dove sarà quel benedetto granello che teneva tutto insieme? Poi un giorno il dito si ferma da sé, non ce la fa più con gli andirivieni; sulla sabbia c’è un tracciato strano ma avvincente, un disegno con una logica e un costrutto. Ti viene un sospetto. Che il senso di tutto erano i ghirigori. Le mie storie, le mie canzoni, sono nate così: ho disegnato qualcosa di vasto e articolato sulla sabbia, alla ricerca d’un granello iniziale perduto. Che ovviamente non ho mai ritrovato. Ma l’emozione che si prova davanti al disegno finale sulla sabbia ripaga d’ogni cosa.
Tutti ci sentiamo in qualche modo incompleti, tutti realizziamo una parte di noi stessi e non l’altra. Con i libri che scrivo non risolvo il mio problema, ma ho la speranza che il mio complesso disegno sulla sabbia contribuisca almeno a risolverlo ad altri. In fondo, anche la famosa ricerca del Graal non è altro che questo: l’importante è il viaggio, non la meta. E chi ha l’occhio allenato dai libri, trova quel che cerca anche a occhi chiusi.